Miglior formato video per clip di stock

Le clip stock di oggi occupano molto più spazio su disco rispetto al passato, soprattutto se girate in risoluzioni più elevate come in 4K. Ciò rende ancora più importante la scelta del giusto formato video, dal momento che occorre trovare un buon equilibrio tra qualità e praticità. Non esiste un'unica soluzione per ogni videografo, ma aiuta considerare la propria telecamera e il soggetto. 

Ad esempio, se si riprende con una telecamera digitale high-end in 4K, si desidera selezionare un codec che approfitti di quell'incredibile dettaglio visivo. D'altra parte, se si produce una clip stock con uno smartphone, probabilmente non si desidera sprecare spazio in memoria con codec di massima qualità. Di seguito abbiamo riportato alcuni dei migliori formati video per clip stock, i loro esclusivi vantaggi e svantaggi, e la loro migliore applicazione.  


Cerchi la clip perfetta per realizzare il tuo video?
Shutterstock ne ha milioni. Scopri la nostra raccolta.

H.264
Negli ultimi anni, H.264 è diventato uno standard affidabile per i caricamenti video, in particolare se si utilizzano dispositivi di fascia medio-bassa. Per un videografo medio che desidera avviare un'attività collaterale con clip stock, H.264 offre file dalle dimensioni più pratiche rispetto ai codec high-end. Per ottenere questo risultato, il codec non compromette la qualità del video e la massima compressione permette un lavoro più intenso della CPU per la modifica di una timeline non lineare. 

E se prevedi di apportare notevoli correzioni del colore, lo spazio cromatico di H.264 non è dettagliato come PhotoRes o PhotoJPEG. Nel grande schema delle cose, tuttavia, H.264 è ancora un'opzione valida perché la maggior parte dei software di editing e dei lettori multimediali lo supportano, ed è il codec predefinito per molti dispositivi prosumer. Le piattaforme di social media come Facebook addirittura transcodificano i file video in H.264 per default! Se vuoi lanciare un clip di stock, H.264 è un ottimo ambiente per iniziare.

ProRes
All'estremità opposta dello spettro codec, la famiglia di codec ProRes è la scelta ideale per realizzare clip stock con attrezzature professionali. Le dimensioni dei file sono significativamente più grandi di H.264, ma questo è dovuto a uno spazio cromatico molto più ricco, al supporto di bitrate più elevati (con ProRes 4444 XQ, è possibile arrivare fino a 12 bit per canale di immagine) e ogni fotogramma video è compresso separatamente. 

A seconda delle necessità, c'è un'ampia varietà di versioni di ProRes che offrono diversi livelli di compressione. ProRes 4444 XQ offre il data rate più elevato (circa 500 Mbps), ma sono validi anche ProRes 422 HQ (220 Mbps), ProRes 422 (147 Mbps), ProRes 422 LT (102 Mbps) e ProRes 422 Proxy (45 Mbps). È necessario acquistare software di conversione speciali come Compressor (Mac) o Miraizon (Windows/Mac) per creare i file ProRes. 

PhotoJPEG
Infine, PhotoJPEG offre il giusto equilibrio tra la praticità di H.264 e la straordinaria risoluzione di ProRes, con una capacità media di compressione video. Per prosumer e aspiranti professionisti, PhotoJPEG è generalmente più rispettato di H.264 quando si tratta di inviare clip di stock e tutte le agenzie di stock lo supportano. Anche lo spazio cromatico del codec è eccellente per la maggior parte delle applicazioni, con un supporto per 4:4:4 e inferiore. È inoltre un'ottima scelta per creare grafici o animazioni, in quanto mostrerà il lavoro con ricchi dettagli. 

D'altra parte, i file PhotoJPEG sono ancora notevolmente più grandi di H.264, il che può essere problematico quando si ha a che fare con un enorme archivio di video. È anche un codec a 8 bit, quindi anche se usi uno spazio cromatico di 4:4:4, potrebbe esserci qualche debole fascia nella colorazione. Tutto sommato, non esiste un formato video perfetto, ma se si considerano le esigenze di configurazione e risoluzione della propria fotocamera, è possibile trovare un codec che fa il suo lavoro.   

  • L'articolo ti è stato utile?

Non trovi quello che stai cercando?